Evitare l’editing del manoscritto

Evitare l’editing del manoscritto. Mi capita di incontrare Autori (ma anche Editori!) che non ritengono necessario l’editing del proprio testo. I risultati, purtroppo, sono talvolta osceni.

L’offerta editoriale Auto da Fé prevede una correzione bozze ed editing gratuito del manoscritto proprio perché l’Autore si renda conto dello stato redazionale dell’opera.

Vi presentereste a una cena di gala con un elegante vestito firmatissimo ma con un pataccone di pomodoro sulla camicia? Evidentemente il problema non sarebbe l’abito, ma la noncuranza di chi lo indossa.

Per revisione del testo non si intendono solo i refusi, gli errori grammaticali e di punteggiatura (che sono assai comuni, in ogni autore anche se professore universitario); qui si fa riferimento anche allo stile espressivo, la concordanza dei tempi verbali, l’esattezza dei riferimenti storici e tecnici, la coerenza della narrazione etc.

L’Autore non può correggere il proprio testo

Vorrei fosse chiara una cosa: l’Autore non può correggere il proprio testo. Quantomeno, non può essere il solo a farlo se l’ambizione è quella di pubblicare un’opera degna.

L’Autore che si autopubblica normalmente non ha la minima esperienza nel campo, se non da… lettore (non da autore, appunto)! Questo vuol dire che anche far leggere il proprio manoscritto a parenti e amici per risparmiare il costo di un editor non è una buona soluzione; serve un professionista (non un altro autore, non un lettore forte, non un amico disponibile) se si vuole ottenere un buon lavoro.

Fare editing al proprio testo non significa snaturarlo, anzi serve a renderlo più espressivo; non è il segnale della scarsa qualità dell’Autore, piuttosto di una sua più evidente professionalità e cura redazionale.

Evitare l’editing del manoscritto


  1. Concentrarsi sui propri interessi e preferenze
  2. Evitare l’editing del manoscritto (o farlo da sé)
  3. Poca cura della confezione editoriale
  4. Non saper utilizzare i socialnetworks
  5. Non saper organizzare promozione e distribuzione

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *