Fotografia di Antonio Romano

Antonio Romano nasce nel 1947 a Sassano (SA). Inizia a scrivere in seguito alla morte del padre componendone la biografia e prosegue con lo stesso spirito raccontando le sue storie come farebbe un padre con il figlio. Prima del presente romanzo ha pubblicato: Mio padre (Albatros, 2014) e Kilometro 112 (Virginia, 2021).

Pagina Facebook dell’Autore


Copertina Bettino garibaldino per amore

Bettino garibaldino per amore di Antonio Romano

Il piccolo Bettino

Gli occhietti fissi sui tacchi delle scarpe, il piccolo Bettino, sei anni, seguiva i passi del padre che davanti a lui si inerpicava per il ripido sentiero che li avrebbe portati in cima al paese.

Correva l’anno del Signore 1854, erano i primi giorni di settembre a quell’ora di presto mattino la nebbia era talmente fitta che Attilio stava ben attento a non fare qualche passo in più per non mettere in difficoltà il piccolo che, nonostante le raccomandazioni, avrebbe potuto perdere di vista i tacchi delle sue scarpe.

Attilio, fattore del barone don Camillo, compiva quel tragitto tutte le mattine alla stessa ora per consegnare al suo padrone il recipiente metallico di latte fresco appena munto.

Ad attenderlo davanti all’antico portone di legno coperto da pesanti borchie di ferro e sormontato dallo stemma del casato scolpito su uno scudo di pietra trovava messere Guglielmo, che a gambe divaricate – posto sopra i cinque gradini che precedevano l’entrata al palazzo – dominava con autorità il momento della consegna del latte da parte del fattore.

Saliva i primi tre gradini e consegnava all’armigero il recipiente pieno e ritirava quello vuoto per la mattina successiva; tra i due nessun saluto, nessuna parola. Guglielmo imponeva il suo atteggiamento severo ad Attilio per ricordargli ogni volta che doveva temerlo più del padrone stesso.

Quella mattina Bettino era contento, papà gli aveva promesso che quanto prima lo avrebbe portato con sé a consegnare il latte. A un tratto la nebbia svanì di colpo e il ragazzino alzò gli occhi sul viso del padre, il quale posò a terra il paniere di vimini che portava assieme al latte, lo prese in braccio e disse: «Guarda…».

Il piccolo girò la testa per guardare all’indietro e i suoi occhi si riempirono di stupore: una spianata bianca uniforme era davanti a lui. Era la seconda volta che saliva in paese, riconosceva intorno a sé il luogo da dove il padre per la prima volta gli aveva indicato la grande certosa di San Lorenzo giù in fondo ai piedi del paese, e poi più lontano nella pianura la loro casa e quella vicina di Gennarino.

Ora non si vedevano più, erano al di sotto della distesa di bianco spiegava Attilio: «Così è il mare, tutto di acqua, e un giorno ti ci porto a vederlo» disse ancora mentre Bettino con il cervellino volava sulle ali della fantasia.


Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *