Mondi nascosti - copertina

Mondi nascosti

Scarica l’anteprima in formato PDF

Clementina Dromì

Mondi nascosti

Racconti di avventure straordinarie

Edizione cartacea
Edizione digitale


Mondi nascosti. Entra in un mondo di incanto e meraviglia, una raccolta avvincente di racconti pensata per i nonni che amano leggere fiabe ai nipoti. Ogni pagina è un invito a condividere emozioni, creare ricordi e trasformare in avventure magiche il tempo trascorso insieme.
Sarete catturati dalla storia di Michele, che scopre una civiltà perduta nelle profondità del mare, e vi perderete nei mondi straordinari di draghi saggi, creature fatate e foreste incantate.
A volte la realtà è solo l’inizio di un’avventura incantevole da vivere insieme.


Biografia di Clementina Dromì
Biografia di Clementina Dromì

Mondi nascosti - copertina

Mondi nascosti di Clementina Dromì

«Nonno Acero, siamo pronti!».
Mi fa sorridere quando mi chiamano così, e torno indietro nei ricordi alla mattina in cui i miei nipoti mi diedero il soprannome di “Nonno Acero”.
Le scuole erano chiuse per le vacanze estive, e mio figlio e sua moglie avevano deciso di affidarci i bambini per un paio di settimane prima di partire per il mare, con grande gioia di nonna Claudia che non vedeva l’ora di poterli viziare.
Io invece non ero molto contento di quella scelta: sono legato alle mie abitudini e quando mi avevano chiesto di lasciare i bambini con noi invece di tenerli in città con la baby-sitter ero rimasto completamente spiazzato. Ma la felicità che avevo letto negli occhi di mia moglie mi aveva fatto fare buon viso a cattivo gioco; sapevo che per lei voleva dire molto, non le era stato facile costruire un rapporto con mio figlio Alessandro.
La mia separazione non era stata amichevole e da quando la madre aveva deciso di trasferirsi in un’altra città, mio figlio e io non riuscivamo più a parlare con serenità.
Il fatto poi che in passato non ero stato molto presente per lui e che avevamo lo stesso brutto carattere aveva reso più difficile il rapporto e ci eravamo progressivamente allontanati. La mia attuale moglie Claudia, che veniva da una famiglia molto unita, nell’arco di qualche anno era però stata capace di guadagnare la fiducia di Alessandro, al punto che l’aveva voluta come testimone di nozze e come madrina di Camilla, la sua prima figlia.
Perciò Claudia era felice di passare del tempo con i nipotini Camilla e Riccardo. E io pure, anche se i miei programmi erano stati completamente stravolti.
Quella mattina, prima che i bambini si svegliassero, Claudia aveva preparato i pancake e apparecchiato in veranda per la colazione.
Ricordo la pura gioia dipinta sulle facce dei miei nipotini davanti al tripudio di marmellate, crema di nocciole e spremute di frutta che riempivano la tavola! E per Claudia era una grande emozione.
«Allora, si mangia?» dissi cercando di non far trapelare la mia commozione mentre impilavo quattro pancake nel piatto e li inondavo di succo d’acero.
«E quello cos’è?» mi chiese Riccardo curioso mentre spremevo lo sciroppo.
«Succo d’acero, amore. Al nonno i pancake piacciono così» rispose Claudia mentre lo aiutava a sistemarsi a tavola.
«Ma l’acero è un albero – obiettò Camilla – Come fai a mangiare il succo di un albero?».
Claudia sorrise e mi fece l’occhiolino.
Allora proposi: «Facciamo colazione adesso. Poi mentre andiamo al parco vicino al fiume vi racconto la storia di Tintirina, l’orso Tismofit e la foresta di aceri».
«Ma nonno, ci vuole troppo tempo per andare al parco! Raccontala adesso!» protestò Riccardo, subito seguito da Camilla.
«Allora fate colazione, e dopo se nonna Claudia è d’accordo vi racconterò la storia».
I bimbi finirono di fare colazione in un lampo, aiutarono a sparecchiare e poi si sedettero per terra sui cuscini.


Mondi nascosti


Articoli correlati

Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *