Tag: lacrime

  • Dolce oblio

    Dolce oblio

    Ho scritto questa silloge cercando di accompagnare il lettore come un giovane Virgilio nei nascondigli della mia mente e nei prati del mio cuore. L’ho scritta sognandola tra le tue mani, immaginandola come un figlio. Abbiane cura.